Il giudice: “Se l’assassino di Ilenia avesse visto la compagna della figlia, avrebbe ucciso anche lei”

0
624

Se Arianna, la compagna della figlia di Ilenia Fabbri, si fosse intromessa nella colluttazione fra la donna e il suo assassino, sarebbe probabilmente stata uccisa. Lo descrive chiaramente nella sua ordinanza per l’arresto di Claudio Nanni e Pierluigi Barbieri il giudice per le indagini preliminari Corrado Schiaretti. Sembra quasi involontariamente confessarlo Claudio Nanni alla figlia durante un confronto, quando la ragazza chiede spiegazioni al padre, perché ha impedito alla compagna di intervenire in soccorso della madre mentre loro cercavano di tornare a Faenza in auto il più velocemente possibile: le dicevo di uscire e di farsi ammazzare ? È questo il significato della frase catturata da una intercettazione ambientale. Una frase che non corrisponde a quello che i due hanno teoricamente pensato quando sono stati raggiunti dalla telefonata che li ha avvisati dell’intrusione, quando hanno ipotizzato che un semplice ladro si era introdotto in casa per rubare. Per questo motivo la figlia Arianna incita la ragazza ad intervenire in soccorso della madre: di fronte a due donne, quello che lei pensava fosse un semplice ladruncolo, sarebbe semplicemente scappato.