Omicidio di Ilenia Fabbri: fra Nanni e Barbieri due anni di contatti telefonici prima del delitto |VIDEO

0
1440

Prosegue il processo per l’omicidio di Ilenia Fabbri, la donna uccisa lo scorso 6 febbraio nella sua casa di via Corbara a Faenza. L’udienza si è aperta con il video della perquisizione dell’officina di Claudio Nanni, ex marito di Ilenia considerato il mandante del delitto. La perquisizione effettuata in data 17 marzo in particolare ha permesso agli inquirenti di rinvenire nell’officina le due valigie, la vanga e le taniche di acido che secondo quanto riferito da Pierluigi Barbieri, che ha confessato di essere l’esecutore materiale del delitto, sarebbero serviti per far sparire il corpo di Ilenia. Durante l’udienza inoltre il sostituto commissario Giuseppe Barillari, colui che ha svolto le analisi del traffico telefonico tra Nanni e Barbieri, ha riferito che i due si scambiavano messaggi fin dal maggio del 2019. L’analisi delle celle telefoniche intercettate dai cellulari dei due uomini hanno inoltre permesso di confermare diversi incontri avvenuti a Faenza e Rubiera tra Nanni e Barbieri, e anche di ricostruire i loro spostamenti in quella tragica mattina del 6 febbraio. Il cellulare di Barbieri aggancia infatti la cella di Rubiera, città di residenza dell’uomo, intorno alle 3 di quel giorno. Poco dopo, alle 3,48, Barbieri si trova invece in autostrada nei pressi di Bologna. Poi il telefono viene spento fino alle 10,34, quando il dispositivo aggancia nuovamente la cella di Rubiera. La Toyota Yaris guidata da Barbieri verrà però incastrata dalle telecamere di sorveglianza presenti nei pressi della casa della vittima, ad un orario compatibile con quello della sua morte.