Ogni sera suona il silenzio affacciandosi alla finestra: “Per ringraziare chi aiuta gli altri”

0
9469

Ogni sera alle 21 Mussa si affaccia alla finestra e suona il silenzio. Un’abitudine iniziata due settimane fa e proseguita poi ogni sera puntualmente. I vicini e gli altri residenti in corso Garibaldi ormai hanno preso l’abitudine di uscire sul balcone o di aprire la finestra qualche minuto prima. Scambiano due chiacchiere e aspettano l’esecuzione. Un’esecuzione che per Mussa, in città molto conosciuto in ambito musicale e per la sua lunga attività all’interno del Rione Nero, ha molti significati: ringraziamento, intrattenimento, integrazione.