“La prossima amministrazione comunale dovrà avere una particolare attenzione: sostenere il settore agricolo romagnolo e faentino” a dirlo è Riccardo Cappelli, candidato al consiglio comunale con Faenza Cresce, laureato in Scienze e Tecnologie Agrarie e impegnato nel settore agricolo, lavorando per il Centro Attività Vivaistiche (CAV) di Tebano. È a Cappelli che Faenza Cresce affida alcune riflessioni e proposte su un tema nevralgico per la comunità faentina:

“Dopo due annate particolarmente difficili (2018-2019), infatti, questo settore ha ricevuto un duro colpo sia per i problemi legati alla situazione COVID-19, sia a causa delle gelate devastanti di quest’ultimo marzo-aprile che hanno portato al calo produttivo peggiore degli ultimi 30 anni (su alcune specie, albicocco in primis, c’è stata una perdita di addirittura l’80% della produzione!). Si dovrà monitorare questa situazione, considerando il fatto che, a causa di questo azzeramento produttivo (o quasi), alcuni coltivatori rivedranno un guadagno soltanto ad ottobre 2021. Per fare ciò, sarà fondamentale rafforzare il canale di comunicazione tra il mondo delle aziende agricole e delle loro organizzazioni, con la Regione e con le Istituzioni europee, per intercettare aiuti e fondi (nuova PAC e PSR) da portare sul nostro territorio. Servirà, inoltre, essere attenti e veloci nel “portarsi a casa” i contributi straordinari resi disponibili dal Recovery Fund per il comparto agricolo. Di conseguenza, va potenziata la delega dell’assessorato all’agricoltura per gestire meglio i contatti con la Regione e con le associazioni di categoria locali. Queste risorse sono indispensabili per dare supporto e nuovo slancio al settore agricolo del nostro territorio, che dovrà essere sempre più sostenibile dal punto di vista economico, sociale ed ambientale. Alcune idee per aiutare questo settore – prosegue Cappelli – le abbiamo già elaborate.

La creazione di alcune opere e strutture, ad esempio l’aumento dei bacini di raccolta dell’acqua piovana e il potenziando del Polo e della cantina di Tebano, per dare il giusto supporto alla ricerca e al corso di laurea dell’Università di Bologna, creando così un centro che sia una vetrina vitivinicola faentina. L’aggiornamento, all’interno del PUG, degli strumenti di pianificazione, per dare attenzione alle esigenze del mondo agricolo (capannoni, ricovero attrezzi, edificabilità per espansioni aziendali, ecc.). La valorizzazione delle produzioni agricole del nostro territorio, in modo particolare della frutta Romagnola, creando un progetto di promozione e forte rilancio, condiviso con le associazioni agricole di rappresentanza, che possa mettere in luce la qualità produttiva del sistema agricolo faentino, una qualità che porta beneficio all’economia, alla salute del consumatore e all’ambiente”