Piccole aziende a rischio con l’ecobonus. Confartigianato: “Si torni al modello dell’anno scorso”

0
647

Il nuovo ecobonus e il sismabonus presenti nel Decreto Crescita penalizzano i piccoli e medi artigiani del settore edile. Confartigianato contraria al nuovo sistema di sconto in fattura proposto dal Governo per gli interventi di riqualificazione energetica o antisismici, sconto che permette ai clienti di avere un enorme agevolazione economica, ma mette in difficoltà gli artigiani che si ritroveranno con migliaia di euro da riscuotere dallo Stato senza la certezza dei tempi di pagamento. Il rischio è quindi che in attesa di riscuotere il bonus dallo Stato, in un arco di tempo di 5 anni, la piccola impresa si trovi in difficoltà economiche e, considerando la sempre più alta difficoltà ad accedere a prestiti dalle banche, chiuda. Così arriva la richiesta di tornare all’ecobonus precedente il Decreto Crescita, un aiuto al settore che nel solo 2018 aveva contribuito a generare un giro di affari di oltre 40 milioni di euro in provincia di Ravenna, all’interno di un settore duramente colpito dalla crisi economica, che ha perso in 10 anni oltre la metà dei lavoratori.