Lista per Ravenna: “Ecco come in via Bevano i rifiuti che dovrebbero essere differenziati vengono mischiati insieme”

0
278

In via Bevano, traversa di via Ponte della Vecchia, che congiunge San Zaccaria con Castiglione di Ravenna, è situata una zona industriale dove sono insediati, oltre allo stabilimento della Martini  Alimentari (in origine macello e produzione suinicola), le aziende Agostini Nautica e Stilplast.

“Da testimonianze ricevute da un cittadino che si è qualificato con la propria identità, ma che chiamerò Giovanni, Lista per Ravenna ha appreso quanto segue” commenta il consigliere territoriale di Lista per Ravenna Gianluca Benzoni che porta all’attenzione un caso di mancata raccolta differenziata. O meglio, di come la raccolta differenziata prodotta dalle aziende venga inficiata dagli operatori addetti a raccogliere i rifiuti, i quali vengono mescolati all’interno di un unico camion invece di essere separati.

“Nell’ambito della raccolta differenziata, le aziende Agostini Nautica e Stilplast sono tenute a depositare sulla via Bevano i propri raccoglitori dei rifiuti organici (di color marrone) e della carta e cartone (blu), in modo che, alle primissime ore del mattino di ogni sabato, automezzi appositi vengano a svuotarli per conferirne i contenuti alle rispettive corrette destinazione. Da più tempo, Giovanni aveva però notato, non visto, che le due gamme di rifiuti venivano svuotate insieme, su un medesimo automezzo, indistintamente. Un mese fa circa, ne aveva dato comunicazione telefonica ad Hera, ricevendo attestazione che questi ritiri devono essere effettuati da mezzi diversi per ogni tipologia.

Non essendo cambiato nulla, il 24 agosto, alle 5.45, si decide ad effettuare, inosservato, le riprese video qui allegate, a dimostrazione che carta e organico vengono riversati congiuntamente nel bacino di raccolta dello stesso automezzo. Vi si notano bene, nonostante l’ora buia, l’aggancio di due contenitori di colore diverso, la loro presa in carico e lo svuotamento da parte della macchina.

Giovanni, che pur non conoscevamo, non poteva che mandarlo a Lista per Ravenna.

PROPOSTE

Ciò premesso, propongo al servizio Ambiente del Comune di Ravenna quanto segue.

  1. Occorre verificare l’andamento dei fatti di cui sopra alla luce dell’organizzazione della raccolta rifiuti disposta nella situazione, delle violazioni che se ne dimostrino e dei provvedimenti repressivi, sanzionatori e correttivi da disporre e/o da richiedere al gestore del servizio.
  2. Il fenomeno che dovesse gravemente accertarsi ha potenzialità drammaticamente diffusive la cui constatazione è praticamente impossibile rimettere alla buona volontà e alla coscienza civica di qualche cittadino “sveglio”, peraltro inascoltato. Ne consegue la necessità di introdurre controlli sistematici a campione, da effettuarsi a sorpresa, sugli automezzi di raccolta, durante il tragitto tra la raccolta stessa e i luoghi di destinazione, anche e soprattutto in orario notturno o di primo mattino.

Prego il dirigente comunale del servizio in indirizzo di trasmettere in copia la risposta anche al capogruppo di Lista per Ravenna nel consiglio comunale, Alvaro Ancisi, affinché ne faccia oggetto di valutazione, anche per l’eventuale seguito che ritenesse doveroso in sede istituzionale politica”.