Ispettori del lavoro esclusi dagli aumenti ministeriali: protesta nelle diverse sedi nazionali | VIDEO

0
957

I lavoratori dell’Ispettorato del Lavoro e dell’Agenzia Nazionale delle Politiche attive del Lavoro sono in agitazione. Prevista per venerdì 4 marzo una giornata di sciopero nazionale, con la chiusura di tutte le sedi. La protesta nasce dai mancati aumenti per i lavoratori contrariamente da quanto previsto dalla bozza dell’ultimo decreto del Presidente del consiglio per i dipendenti ministeriali. Il tutto si inserisce all’interno di uno scenario che si protrae da anni, dove le agenzie che dovrebbero monitorare sulla sicurezza dei lavoratori di fatto depotenziate dallo stesso Stato, come dimostrano anche gli stessi obiettivi contro il lavoro sommerso indicati nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, obiettivi, denunciano i sindacati, privi di finanziamento nel decreto ministeriale.

Il presidio di Ravenna è stato condiviso da FP Cgil, Cisl FP, UILPA, FLP, Confintesa FP, CONFSAL-UNSA e USB P.I.