Bollettini ingannevoli: tornano i tentativi di raggiro nei confronti delle aziende

0
147

L’estate è ormai iniziata e puntuali si presentano per le aziende i bollettini ingannevoli, le richieste di pagamento che vengono recapitate in azienda, via posta o via mail, molto simili alla richiesta di pagamenti di tasse, altri obblighi di legge o canoni per albi, ordini e associazioni di categoria. In questi giorni Confartigianato della provincia di Ravenna ha allertato i propri associati riguardo ad un nuovo tentativo di raggiro tramite bollettino postale, prestampato, che chiede il pagamento di ben 329 euro per l’iscrizione al Registro Aziende Commerciali Nazionale.