Sant’Apollinare, Arcivescovo: “Non ci si può definire religiosi se non si ama ogni uomo”

0
175

La politica come servizio, non di interessi personali o centri di potere ma “della vita e della crescita degli altri” per affermare la “giustizia, la solidarietà, la cura del bene comune, il rispetto della persona umana, della sua vita e della sua dignità, che fonda i suoi diritti fondamentali e i rispettivi doveri”. I cristiani tra fede e appartenenze politiche. È stato questo il tema centrale dell’omelia pronunciata in un duomo Gremito dall’Arcivescovo di Ravenna e Cervia Monsignor Lorenzo Ghizzoni, che ha celebrato nella mattinata di martedì 23 luglio la messa per Sant’Apollinare, patrono di Ravenna e dell’Emilia-Romagna. Un’omelia nata da un senso di spaesamento: i credenti si trovano oggi in difficoltà poiché non vedono in nessun partito o movimento politico espressi i valori umani ed evangelici che vorrebbero veder realizzati, allontanandosi così dalla politica e dal voto.