Ad opera dei residenti in via del Mugello (parte sud-ovest della prima periferia di Ravenna, confluente in via Vicoli), è in fase avanzata di raccolta delle firme necessarie una petizione, rivolta al sindaco, avente per tema: “Nuovo impianto di telefonia cellulare vicinissimo ad un altro. Contrasta col regolamento comunale”. Primo firmatario è Antonio Amoroso, membro del Consiglio territoriale del Centro Urbano. Da parte sua, il capogruppo di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, riprendendo una propria interrogazione al sindaco del 1° settembre, ha inoltrato allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune di Ravenna una formale Osservazione avverso le “Richieste di autorizzazione per la installazione di singolo impianto fisso per telefonia mobile in via del Mugello 8/A Ravenna frazione Prima Ravenna” presentate da Iliad Italia spa, il cui avviso di deposito è stato pubblicizzato il 5 ottobre scorso. 

Di seguito le argomentazioni sostanziali dell’atto.

“La nuova installazione della Stazione Radio Base (SRB) in via del Mugello, con altezza 11 metri e mezzo, costituita da tre settori, con relative antenne direttive, di rispettiva tecnologia 3G, 4G e 5G di nuovissima generazione, impone particolare attenzione per i motivi seguenti. 

È certo che, per usare i telefoni cellulari senza problemi di segnale o di potenza, occorre una diffusione capillare delle SRB sul territorio urbanizzato, ma sono comunque d’obbligo, oltre al rispetto delle norme di legge esistenti in proposito, le dovute precauzioni, che nel caso della città di Ravenna sono imposte dal “Regolamento comunale per l’installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare”, approvato nel marzo 2001 e tuttora vigente in materia di singole installazioni. 

  1. Obiettivi del regolamento sono “assicurare il corretto insediamento urbanistico, garantire l’attuazione, nell’installazione degli impianti diretti alla diffusione del segnale radio per la telefonia cellulare, del principio della cautela, della minimizzazione dei valori di campo elettromagnetico”.
  2. Fermo restando ogni accertamento volto a perseguire, in generale, i suddetti obiettivi, sembra contrastare con “la minimizzazione dei valori di campo elettromagnetico”, a tutela della popolazione interessata, che un’altra Stazione Radio Base sia ubicata in via Versilia 19, alla distanza in linea d’aria da via del Mugello 8/a di appena 140 circa.

Ciò premesso, si chiede che sia attivato, per l’esame complessivo della richiesta, il Gruppo Tecnico di Valutazione previsto dal regolamento, affinché, a norma dell’art.4, proponga di installare la stazione radio base in oggetto in un diverso sito puntuale che consenta di minimizzare l’esposizione della popolazione al campo elettromagnetico”.