Voragini ancora presenti sull’argine del Senio: residenti esasperati. Incontro con Regione e Comune

0
419

Incontro in via Casale fra i residenti e i proprietari terrieri preoccupati per le brecce ancora aperte lungo l’argine del Senio, la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Faenza. Presente per la Regione Marco Bacchini, responsabile dell’Ufficio Sicurezza territoriale e protezione civile Ravenna, il quale però non ha potuto fare altro che prendere atto delle rimostranze dei residenti in merito ad una situazione già conosciuta. Presenti anche il consigliere comunale di maggioranza Alessio Grillini (Italia Viva) e il consigliere di minoranza Gabriele Padovani (Area Liberale).
Lungo la barriera di terra che guarda Faenza sono diverse le voragini, grandi anche decine di metri, ancora presenti. La Regione sta attendendo il piano di messa in sicurezza del territorio della struttura commissariale per capire se in quelle zone, dove il fiume compie delle anse naturali, verranno identificate delle aree allagabili. A maggio 2023 la piena ruppe l’argine e inondò coltivazioni e case, dove raggiunse quasi i 2 metri d’altezza. A novembre 2023 l’acqua tornò a coprire i campi. Molta la rabbia di residenti, proprietari terrieri e coltivatori che da maggio attendono di conoscere il loro destino e nel frattempo hanno scoperto che già in passato quella zona sopra Castel Bolognese era stata considerata a rischio allagamenti.