Gli studenti del Ballardini in protesta: i cantieri ancora presenti nella scuola rendono difficili le lezioni

0
378

Gli studenti del liceo di Faenza in sciopero nella mattinata di mercoledì 30 settembre. La protesta è nata in una delle sedi dell’istituto, il Ballardini, dove permangono ancora alcuni cantieri a causa dello slittamento dei lavori dovuto al coronavirus. Cantieri che impediscono l’accesso ai laboratori e che fino all’altro ieri si ripercuotevano sul regolare svolgimento delle elezioni a causa del troppo rumore. Se ad oggi la gran parte del problema dell’inquinamento acustico è risolto, non sono risolti però i disagi: classi piene di polvere, sporcizia, impalcature, macerie. Il 6 ottobre è stato fissato un incontro con i responsabili della Provincia di Ravenna, l’ente a cui spetta la gestione delle scuole superiori,  per cercare di dare una risposta a queste problematiche. Ma per i ragazzi è già ormai trascorso troppo tempo ed oggi è nata la protesta, con un corteo che ha attraversato il centro storico di Faenza.