149 milioni per le imprese. La Regione risponde al Governo: “Non bastano”

0
99

Continua il botta e risposta fra Regione e Governo sugli aiuti da destinare al territorio dopo l’alluvione. L’assessore regionale alla Protezione Civile Irene Priolo era stamattina a Faenza per un confronto con il tavolo permanente dell’agricoltura. A seguire un punto stampa a Cesena, poi una visita a Cervia, alle saline.
L’assessore ha spiegato come i lavori di somma urgenza continuano su tutta la Romagna con l’obiettivo di terminare entro settembre, ma rimane indispensabile anticipare nuovi fondi per pagare le imprese che stanno operando e per aprire nuovi cantieri per nuove opere di messa in sicurezza già comunicate alla struttura commissariale. Complessivamente, per le somme urgenze, si tratta di un piano da 400 milioni.
I 149 milioni destinati dal Consiglio dei Ministri al rimborso delle imprese vengono invece considerati da Priolo insufficienti, non in grado di coprire neanche i ristori iniziali da 20 mila euro a tutte le aziende coinvolte dall’alluvione. I danni sono infatti stimati in 300 milioni di euro.