Ultimate le operazioni di neutralizzazione dell’ordigno bellico a Granarolo Faentino

0
243

Gli artificieri dell’Esercito Italiano in forza all’8° reggimento genio guastatori paracadutisti “Folgore” sono intervenuti in località Granarolo Faentino nel comune di Faenza per neutralizzare un pericoloso residuato bellico risalente al secondo conflitto mondiale. L’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione statunitense dal peso di 500 libbre di esplosivo ad alto potenziale, è stato rinvenuto nel corso di lavori di aratura in un terreno agricolo e prontamente posto in condizioni di sicurezza da un team di specialisti dell’8° reggimento genio guastatori paracadutisti di Legnago (VR).
Le delicate operazioni di bonifica, coordinate dalla Prefettura di Ravenna e dal Comando Forze Operative Nord di Padova, sono iniziate domenica 17 ottobre alle ore 09:00 a seguito del completamento delle procedure d’evacuazione che hanno interessato oltre 105 residenti all’interno dell’area di sgombero (826 metri dal luogo di rinvenimento).
Gli artificieri hanno prima messo in sicurezza l’ordigno per poi rimuoverlo e trasportarlo presso un area appositamente individuata nel comune di Faenza (RA) dove è stato fatto brillare in sicurezza alle 13,30.
A garanzia della massima cornice di sicurezza, gli specialisti del Genio hanno realizzato opere di mitigazione degli effetti di una esplosione accidentale in fase di disinnesco appositamente progettate per l’esigenza sia a protezione degli edifici limitrofi sia per ridurre i disagi alla popolazione residente.
Quello odierno, per i guastatori paracadutisti della Brigata “Folgore”, è il decimo intervento di bonifica complessa (bomba d’aereo da 500 libbre) che viene condotto dall’inizio dell’anno, un evento eccezionale divenuto ormai norma.
Nel 2021 sono stati oltre 1200 gli ordigni neutralizzati nei più di 391 interventi condotti dai guastatori paracadutisti nelle 7 provincie di competenza.