Leucemie e tumori nei bambini: la “Staffetta per la Speranza” ha fatto tappa a Ravenna

0
264

Ha toccato anche Ravenna e provincia la “Staffetta per la Speranza”, l’ultramaratona benefica organizzata da Fondazione Città della Speranza Onlus, dal 21 al 24 aprile, con l’obiettivo di abbracciare idealmente tutti i bambini e ragazzi d’Italia, colpiti da leucemie, tumori o malattie rare, e farsi portavoce delle loro aspettative presso Papa Francesco.

La Staffetta, patrocinata dalla Regione del Veneto e con testimonial Red Canzian, si snoderà per 534 km, da Padova a Piazza Papa Pio XII in Vaticano, e vedrà correre personale dell’Arma dei Carabinieri e dell’Esercito. Venticinque, in tutto, gli atleti che si passeranno di mano il testimone azzurro che, al termine dell’udienza generale del mercoledì, sarà consegnato al Sommo Pontefice da un bambino di 4 anni guarito da retinoblastoma. All’interno saranno custoditi messaggi di pazienti in terapia e di persone guarite.

Città della Speranza vuole accendere i riflettori sull’importanza di sostenere la ricerca pediatrica per guarire quel 20% circa di pazienti con patologie oncoematologiche per i quali ancora non esistono cure efficaci e risolutive. Nei suoi 25 anni di attività, la Fondazione ha contribuito ad innalzare notevolmente i tassi di sopravvivenza, portandoli dal 30% del 1994 all’80% di oggi, ma molto resta da fare per raggiungere il traguardo della guarigione completa. A tal fine, la Fondazione finanzia la diagnostica avanzata di leucemie, linfomi e sarcomi per i bambini di tutta Italia e sostiene l’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza, il più grande centro europeo in questo ambito, interamente realizzato grazie all’incessante attività di fundraising. Specificità, queste, che vogliono essere portate all’attenzione delle famiglie per affermare che non sono sole nella difficile esperienza della malattia.

Il percorso e gli atleti

Il via della staffetta si è tenuto la domenica di Pasqua, alle ore 15, dall’Istituto di Ricerca Pediatrica a Padova per giungere, intorno alle ore 21, in piazza Matteotti a Codigoro (Ferrara). Ad alternarsi nella corsa sono stati i Carabinieri della Legione “Veneto”, ovvero: il Maresciallo Marco Nicolai, il Maresciallo Giuseppe La Macchia, il Brigadiere Sandro Boni, il Brigadiere Leonardo Salvini e l’Appuntato Giuseppe Cecca.

Il giorno di Pasquetta sono stati i militari della sezione di atletica leggera del Centro Sportivo Carabinieri di Bologna a succedersi tra il Comando di Codigoro e Piazza Tre Martiri a Rimini, passando per Marina di Ravenna, Ravenna e Cervia. In occasione del transito in piazza del Popolo a Ravenna, il vicesindaco ha portato il saluto dell’Amministrazione comunale.

Gli atleti di questa particolare giornata sono stati gli appuntati Gianni Bruzzi, Stefano La Rosa, Matteo Giupponi e i carabinieri Mattia Moretti, Stefano Chiesa, Sergyi Polikarpenko e Michela Cesarò.

La carovana si sposterà poi in auto sino a Perugia, da dove, mercoledì 23 aprile, toccherà al personale dell’Esercito, ovvero del Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto con sede a Verona, percorrere altri 141 km, fino a Piazza San Lorenzo a Formello (Roma). Si tratta del Tenente Colonnello Antonio Capriati, dei Caporali Maggiori Scelti Valentina La Malfa, Danilo Zito e Paola Franceschetti, del Caporal Maggiore Gaetano Lamedica, dei soldati Gianmarco Marrazzo, Ebenezer Kojo Mensah, Sonia El Ashker, Francesca Carboni e Giulia Spampinato.

Gli ultimi 30 km che separano da piazza Papa Pio XII in Vaticano, antistante al colonnato del Bernini dove sarà collocato il gonfiabile dell’arrivo, saranno percorsi dai Marescialli Giovanni Attomanellii e Salvatore Iacona, del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri di Roma, e dal Comandante della Legione “Veneto”, Generale di Divisione Giuseppe La Gala.

Il traguardo sarà tagliato dal fondatore di Città della Speranza, Franco Masello.

A Ravenna, Rimini, Narni e Formello sono previsti degli incontri con le amministrazioni comunali e la cittadinanza. Il servizio di scorta e viabilità sarà garantito dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Padova.

Sarà possibile seguire la “Staffetta per la Speranza” tramite i canali social di Città della Speranza (Facebook, Instagram e YouTube). L’invito, a quanti incontreranno i corridori lungo l’Italia, riconoscibili per indossare una maglietta blu logata, è di postare le foto indicando l’hashtag ufficiale #staffettaperlasperanza.