Strade del centro trasformate in bagni pubblici: il Comune costretto a chiedere pulizie straordinarie

0
161

Il centro di Faenza trasformato in un bagno pubblico a cielo aperto sarà un costo non indifferente per i cittadini. Quanto non è ancora facile dirlo. Sono infatti diversi i fattori in gioco, fra i quali anche le poche piogge.

Il contratto fra il Comune di Faenza ed Hera prevede nove interventi durante l’anno dedicati alla pulizia di strade e muri dai bisogni fisiologici. Una voce di spesa pensata sopratutto per gli animali, per i cani e per i piccioni. L’accordo fra le due parti prevede di diradare i passaggi nei mesi invernali e più piovosi e di concentrare gli sforzi nella parte restante dell’anno. In media 1 passaggio al mese con particolare attenzione nel periodo di maggior affollamento di piccioni. In caso di manifestazioni di grande richiamo, come il Mei in arrivo fra qualche settimana, o come avrebbero potuto essere le gare delle bandiere in Piazza del Popolo, sono previsti passaggi straordinari una volta terminato l’evento. Ogni passaggio straordinario rappresenta un costo aggiuntivo per il Comune. Ogni passaggio corrisponde a tre giorni lavorativi, tanto impiega la macchina pulitrice per lavare e spazzare le vie del centro. Il lavoro non viene svolto direttamente da Hera ma è in subappalto.