“Impresa, lavoro, donna”: il Comune premia le buone pratiche di partecipazione femminile sul lavoro

0
58

“Impresa, lavoro, donna” è il premio ideato dall’assessorato alle Politiche e cultura di genere del Comune di Ravenna in occasione dell’8 marzo. Il premio è dedicato a Tina Anselmi, prima donna ad essere scelta come ministra nella storia italiana, ministra del Lavoro e della Sanità, un lungo impegno a favore della condizione femminile nel mondo del lavoro. Tre le sezioni ideate per il premio: realtà che garantiscano la presenza paritaria delle donne nella vita economica, accesso al lavoro e percorsi di carriera e per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro; realtà che hanno attivato o collaborato ad azioni di mitigazione degli effetti negativi dell’emergenza da coronavirus; lavoratrici o imprenditrici che abbiano contribuito a fronteggiare l’emergenza epidemiologica.

Il premio intende valorizzare le buone pratiche del territorio destinate a migliorare la partecipazione femminile in ogni ambito lavorativo

Ad aggiudicarsi il titolo nella prima sezione sono stati: la società cooperativa Media Romagna, con il progetto “L’importanza di una informazione che non tenga conto solo di una metà del cielo” e la cooperativa sociale Niche con “Dall’ascolto al progetto: donne insieme per l’assistenza famigliare”. Il premio della seconda sezione “Speciale impresa resiliente” è andato ai “Racconti ravennati” di Anna Fietta, in compartecipazione con Barbara Liverani Studio, Dimensione Mosaico, Koko Mosaico, Pixel Mosaici, e a “Coldiretti Donne Impresa per Ravenna” della Federazione Provinciale Coldiretti. Ha vinto, per la terza sezione “Speciale persona resiliente” (figura femminile) Wonderlab, che ha presentato “#iorestoacasamafelice”. A ciascun progetto è stato assegnato un contributo di 4mila euro.