204esimo anniversario dell’Arma dei Carabinieri

0
505

E’ stato celebrato quest’oggi il 204esimo anniversario dell’Arma dei Carabinieri. Nella sede provinciale di Ravenna, il comandante Roberto De Cinti ha accolto istituzioni civili e militari e i famiglia degli uomini di cui è al comando da meno di un anno.
Come oramai da tradizione, al festa dell’arma è stata occasione anche per tracciare un bilancio delle azioni messe in atto negli ultimi 12 mesi.
“E’ stata privilegiata la proiezione esterna dei servizi, sono state effettuate poco meno di 24.000 pattuglie, identificate più di 104.000 persone, controllati oltre 79.000 veicoli” ha sottolineato il Colonnello De Cinti.
Nell’azione di contrasto all’uso degli stupefacenti sono state 241 le persone arrestate e fermate, 98 quelle denunciate e quasi 2,5 tonnellate le sostanze sequestrate  (eroina, cocaina, hashish, olio di hashish, marijuana e piante di cannabis indica).
In relazione ai reati predatori sono state intraprese iniziative volte a prevenire e reprimere:  arrestati e fermati 247 responsabili e denunciati 520 soggetti, con il recupero di buona parte della refurtiva.
Importanti esiti hanno avuto anche le attività messe in atto per arginare le varie forme di raggiro, di violenza di genere, di maltrattamento e di abusivismo commerciale. Sono stati eseguiti 624 arrestati e fermi, denunciati 3.250 autori di reato.

Dopo il discorso del comandante sono stati consegnati gli encomi ai militari che si sono distinti in particolari operazioni: Capitano Cristiano Baldassarre Marella, Tenente Carmelo Carraffa, Luogotenente Stefano Garbuglia, Mar. Magg. Francesco Di Bartolomeo, Mar. Magg. Giuseppe Palumbo, Mar. Ord. Tony Savini, App. Sc. Q.S. Gian Luca Bassi, App. Sc. Q.S. Massimo De Rosa E App. Sc. Massimo Turchi, Andrea Giacomini (ora In Congedo), S. Tenente Giuseppe Turco, Mar. Magg. Giacomo Brina, App. Sc. Gianluca Pizzica e App. Sc. (ora In Congedo) Daniele Baroni, App. Sc. Q.S. Massimiliano Verardi, Luogotenente Corrado La Pira E Mar. Magg. Vladimiro Portulano, App. Angelo Maravigna.