Mobilità sostenibile: sempre più monopattini elettrici in giro per il centro storico e in Darsena di Ravenna

0
209

Sta prendendo piede una nuova frontiera della mobilità: stanno cambiando le modalità di spostamento dei cittadini in contesti urbani. Sempre più persone scelgono il monopattino elettrico come mezzo per spostarsi in città, sia nel centro che nella periferia. I cittadini riducono i chilometri da percorrere in automobile, si avvicinano al primo parcheggio disponibile per far uscire dal baule dell’auto il monopattino elettrico, che facilita loro il raggiungimento del luogo di lavoro e dei bar per il ritrovo con gli amici. Nei lidi è comodo per raggiungere gli stabilimenti balneari dal parcheggio, piuttosto che usare autobus o le proprie gambe nel camminare. Il coronavirus ha, giocoforza, accelerato il cambiamento nel comportamento delle persone a livello di mobilità, sicuramente una mobilità individuale e certamente più sicura nel rispetto delle norme che vietano gli assembramenti e insinuano, a colpi di cartelli e segnaletica, negli utenti di mezzi pubblici il distanziamento sociale per evitare focolai.

Non tutti però hanno fatto la scelta del monopattino in funzione di eventuali bonus per l’acquisto di questo veicolo: alcune persone già possedevano un monopattino elettrico in tempi non sospetti per il covid-19, che negli ultimi mesi sta portando a una graduale… rivoluzione? O sarà una moda? Il fatto certo è che nelle ore diurne se ne avvistano molti di più rispetto al periodo pre-covid.

Un 13enne gira, in modo alternato, con due monopattini: uno lo possedeva in famiglia da prima del lockdown, l’altro è arrivato in casa, o meglio in garage, come regalo per la promozione scolastica.