La commissione Politiche per la salute e politiche sociali, presieduta da Paolo Zoffoli, ha approvato le modalità attuative del divieto di utilizzo dei ticket redemption per i minorenni. Sì da Partito democratico, Sinistra italiana e Prodi (Misto), contrari i Cinquestelle e voto d’astensione da Facci (Misto-Mns).

I ticket redemption sono apparecchi elettronici per il gioco che distribuiscono tagliandi dopo la conclusione della partita, dando la possibilità di accedere a premi.

Nel documento si conferma la responsabilità dei genitori nei confronti dei minori trasgressori. Così come sono presenti richiami sulle sanzioni previste. Inseriti anche gli obblighi per gli esercenti: accertarsi dell’età del cliente, affiggere la locandina regionale in cui viene menzionato il divieto di utilizzo dei ticket da parte dei minori oltre ad applicare lo stesso messaggio anche sugli apparecchi oggetto del divieto.

Per Andrea Bertani dei Cinquestelle, che considera il provvedimento troppo blando nei confronti dei titolari degli esercizi con questo tipo di apparecchi, “l’aspetto della salute deve essere più importante rispetto a quello economico, tanto che avrei responsabilizzato maggiormente l’esercente”