Santa Messa in occasione della “Virgo Fidelis”, patrona dell’Arma dei Carabinieri

0
189

Si è celebrata la Santa Messa in occasione della “Virgo Fidelis”, patrona dell’Arma dei Carabinieri, per la ricorrenza del 78° anniversario della “Battaglia di Culqualber” e della “Giornata dell’Orfano”.

“Virgo Fidelis”, la Fedeltà di Maria, che nasce dalla Sua vita piena di Grazia – fin dall’inizio – per un dono speciale di Dio, la nascita del Signore, è un titolo molto antico nella tradizione della Chiesa, fin dal Medioevo: questa era una delle lodi di Maria, contenuta nelle Litanie della Madonna. Era uno dei titoli a cui ci si rivolgeva, e ci si rivolge ancora oggi, ogni volta che si prega il Rosario, per ottenere l’intercessione di Maria su coloro che stanno pregando.

Nel calendario ecclesiastico il 21 novembre ricorda la presentazione di Maria al tempio di Gerusalemme. Un altro 21 novembre, quello del 1941, ricorda un’assedio di diverse settimane, che pose fine alla battaglia di Culqualber, in Etiopia, dove uno sparuto gruppo di carabinieri, 200 in tutto, insieme ad armate di indigeni, si contrappose all’esercito Britannico per la difesa dell’ultimo avamposto italiano. 3 mila uomini scarsi contro 20 mila inglesi. Un atto di estremo coraggio che colpì profondamente il nemico che tributò ai caduti l’onore delle armi.

Sul finire della Santa Messa il Col. Roberto De Cinti, Comandante provinciale dei Carabinieri di Ravenna, ha consegnato un piccolo dono a  Mons. Lorenzo Ghizzoni nella Cattedrale di Piazza Duomo.