L’Emilia-Romagna punta sullo sport per promuovere il territorio: “Speriamo di aprire stadi, palazzetti e circuiti al pubblico”

0
225

35 grandi appuntamenti sportivi di qui a fine anno caratterizzeranno il territorio dell’Emilia-Romagna. Dall’automobilismo al ciclismo, poi tennis, volley, motociclismo, scherma, fino all’apertura ufficiale della sessione estiva del calciomercato che si terrà l’1 settembre al Grand Hotel di Rimini. Una concentrazione di eventi e competizioni, di valenza nazionale e internazionale, promossi anche come strumento di promozione del territorio, con importanti ricadute sul piano turistico, culturale ed economico.  Tutto dipenderà dalle nuove disposizioni per il coronavirus. La regione spera di poter riuscire ad aprire i grandi circuiti di Imola e Misano a qualche migliaio di spettatori. Numeri inferiori per il crossodromo di Monte Coralli a Faenza che ospiterà il doppio appuntamento del Mondiale. Per stadi e palazzetti, invece, si lavora per ottenere una presenza di pubblico calcolata in base alla capienza delle strutture. Oltre al motocross, in programma il 15-16 e il 19-20 settembre, il territorio ravennate ospiterà il Giro d’Italia, a Cervia, il 16 ottobre e la Maratona di Ravenna l’8 novembre. Il 27 e 28 agosto Milano Marittima avrà una doppia serata fra sport e campioni con la presenza di Arrigo Sacchi, Giancarlo Marocchi, Alessandro Costacurta e Davide Cassani. Ci sono poi gli eventi dei territori limitrofi, che, in caso di apertura al pubblico, coinvolgeranno il settore ricettivo e della ristorazione, come il Memorial Pantani del 30 agosto, i Campionati Italiani di Atletica il 3 e 4 ottobre e i Campionati Europei di Ciclismo su Strada dal 5 all’11 ottobre, entrambi a Forlì, e il Gran Premio di Formula 1 a Imola l’1 novembre.