Turismo: un altro anno record per l’Emilia-Romagna

0
518

Con quasi 60 milioni di presenze, l’Emilia-Romagna centra un altro anno d’oro per il turismo regionale, consolidando la tendenza che la vede come regione che piace sempre di più, in Italia e all’estero. Anche il 2018, infatti, ha visto aumenti nelle presenze e negli arrivi in tutti i settori, dalla Riviera all’Appennino, dalle Città d’arte alle Terme, fino alle altre mete al di fuori degli itinerari tradizionali: 59,6 milioni le presenze turistiche, +4,7% rispetto ai circa 57 milioni registrati del 2017, di per sé già un anno record. Crescita percentuale ancora maggiore per gli arrivi, che in totale sono stati 13,7 milioni, +7% rispetto ai 12,8 milioni del 2017. Per quanto riguarda il dettaglio delle provenienze, il livello di internazionalizzazione vede un turista su quattro scegliere l’Emilia-Romagna dall’estero, con il 24,8% delle presenze e il 26,3% degli arrivi. Il saldo positivo è comunque generale, dato dalla crescita sia degli italiani (+4,2% di presenze, +6,8% di arrivi) che degli stranieri (+6,3% di presenze, +7,8% di arrivi). E se la Riviera si conferma grande protagonista con i suoi 43 milioni di presenze e 7 di arrivi, rispettivamente +2,2% e +2,9%, la crescita riguarda tutti i comparti, coprendo l’intero territorio regionale: prosegue il boom delle Città d’arte con un +11,2% di presenze e un +14% di arrivi, così come le ‘altre località’, +12,1% di presenze e +7,7% di arrivi, e l’Appennino con un +12,8% di presenze e +8,5% di arrivi. Le Terme, poi, che associate ai servizi benessere sembrano lasciare alle spalle gli anni più difficili con un +9,9% di presenze e un +19,3% di arrivi.