Un ladro seriale, esperto nell’aprire le auto in sosta, è stato arrestato dai Carabinieri di Faenza nella notte fra domenica e lunedì, colto in flagranza mentre stava rubando dentro una vettura.

Da una settimana i militari manfredi avevano iniziato a ricevere varie denunce e segnalazioni per danneggiamenti e furti nelle zone tra Faenza e Brisighella, cosa che aveva spinto i Carabinieri ad aumentare i controlli.

Domenica notte, alle 2.30, l’ennesima segnalazione: un uomo era stato avvistato in via Caldesi intrufolarsi dentro l’auto di uno dei residenti della zona. Il malvivente si è però accorto di essere stato notato ed è scappato, prima dell’arrivo delle forze dell’ordine

Un’ora più tardi il copione si è ripetuto in via Zambrini, nella zona delle scuole Tolosano. Un altro residente si è svegliato per i rumori avvertiti sotto casa. I carabinieri questa volta hanno colto il ladro sul fatto, mentre trafugava all’interno di una Fiat Panda. L’abbigliamento indossato dall’uomo era lo stesso della segnalazione precedente in via Caldesi. Il topo d’auto si è rivelato un 45enne moldavo, residente nel ferrarese. Nel suo zaino è stato ritrovato, oltre a materiale di scasso come cacciaviti, anche oggetti sulla cui provenienza non ha saputo fornire spiegazioni. Tra questi un crocifisso, delle scarpe Nike, occhiali da sole e cappellini, tutto oggetti che poi, grazie all’intervento dei proprietari dei veicoli, si è scoperto essere stati arruffati da due delle auto trafugate, una Mercedes e una Multipla. In totale le auto danneggiate, dalle utilitarie fino ai suv, sono state sette.

Il 45enne è stato quindi arrestato per furto aggravato e continuato e porto illegale di materiale atto allo scasso; è stato inoltre avvisato il pubblico ministero di turno Antonio Bartolozzi, che lunedì mattina ha deciso per il fermo dell’uomo in carcere. Da un’ulteriore indagine è emerso che il moldavo avrebbe usato un alias e che nel 2014 a Ferrara sarebbe stato fermato per stessi motivi. Gli inquirenti presumono che l’uomo sia arrivato a Faenza domenica pomeriggio, attualmente è in carcere in attesa della convalida per permettere maggiori accertamenti per capire se abbia commesso altri furti in Regione.