'Ndrangheta: Gdf confisca beni a 'uomo fiducia' Femia

33 evasori totali completamente sconosciuti al Fisco e redditi non dichiarati per oltre 1 milione e 200 mila euro.

È questo il bilancio dell’operazione “No Tax Colf” del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ravenna, che ha messo sotto osservazione la posizione di numerose collaboratrici domestiche attive sul territorio tra il 2017 e il 2019. Si tratta prevalentemente di donne provenienti da Paesi dell’Est europeo (soprattutto Romania, Ucraina e Russia) che, pur regolarmente assunte dai rispettivi datori di lavoro, hanno omesso di dichiarare i redditi percepiti e di versare le relative imposte all’Erario.

Infatti le lavoratrici domestiche, impiegate come “colf” per il soddisfacimento di esigenze familiari o nella cura degli anziani, sono una categoria di lavoratori per la quale il datore non funge da sostituto di imposta e che, pertanto, ha l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi quando gli introiti superano la soglia di esenzione pari a 8.000 euro.

Nei 33 casi scoperti dai Finanzieri di Ravenna, invece, le badanti, nonostante fossero state assunte con regolare contratto di lavoro e avessero maturato una posizione contributiva ai fini pensionistici, non hanno mai dichiarato i guadagni conseguiti negli anni, quantificati mediamente in circa 40 mila euro pro capite, rimanendo completamente sconosciute al Fisco.

L’attività ispettiva delle Fiamme Gialle, per la quale si è rivelata fondamentale l’analisi dei dati presenti negli archivi informatici a disposizione del Corpo e l’incrocio con le informazioni acquisite presso l’INPS, ha portato all’emissione di numerosi avvisi di accertamento nei confronti delle badanti inadempienti agli obblighi fiscali, che in molti casi hanno già provveduto a saldare il proprio debito tributario ed a regolarizzare la posizione fiscale.

Ora gli approfondimenti della Guardia di Finanza saranno diretti a verificare se le lavoratrici domestiche, oltre ad aver tenuto “nascosti” i propri redditi, sulla base della propria apparente condizione di “nullatenenti” abbiano anche richiesto agevolazioni per la fruizione di prestazioni o servizi sociali e assistenziali, in realtà non spettanti per effetto dei redditi conseguiti.