M5S: “I cittadini hanno diritto a partecipare alla vita politica della Romagna Faentina”

0
90

Mancanza di strumenti per favorire la partecipazione dei cittadini alla vita politica.  È questa una delle critiche all’Unione della Romagna Faentina proveniente dalla minoranza, in particolare dal Movimento 5 Stelle, da sempre contrario al progetto portato avanti dal Partito Democratico, alla pari di tutte le forze di opposizione. Alla ripresa dei lavori, il dibattito politico s’incentrerà sui cambiamenti da adottare all’interno del progetto portato avanti dalla maggioranza. Cambiamenti richiesti da entrambi gli schieramenti che hanno già portato a confronti aspri e accesi. Il 28 settembre, in occasione del primo consiglio dell’Unione dopo la pausa estiva, il Movimento 5 Stelle chiederà alcune modifiche per migliorare la partecipazione della cittadinanza alla vita politica del nuovo ente che sarà chiamato ad amministrare il territorio faentino, chiedendo di introdurre strumenti come  i referendum, il bilancio partecipativo o le sedute pubblico del consiglio dell’Unione.