I Parents for Future contro il centro di stoccaggio CO2: “Serve solo a continuare estrarre metano e petrolio”

0
51

I Parents for Future contro l’impianto di stoccaggio di CO2 che Eni vorrebbe costruire a Ravenna. Il movimento nazionale dei genitori nato a sostegno delle iniziative dei giovani di Fridays for Future ha presentato un’analisi contro la centrale progettata da ENI. Un’analisi che parte dalle indagini condotte su altri impianti di questo tipo aperti e poi chiusi e sui mancati progressi attesi dall’Unione Europea per questa tipologia di centrali. Al centro del problema, per quanto riguarda i Parents for Future e i Fridays for future, la sicurezza, il rischio di fuoriuscita di CO2 e il rischio di sismicità che potrebbe causare un impianto di grandi dimensioni come quello ravennate, che dovrebbe stoccare 4 milioni di gas all’anno. Consulente dei due movimenti, Vincenzo Balzani, chimico, professore emerito all’Università di Bologna, che ha puntato il dito contro Eni, accusandola di voler stoccare anidride carbonica solamente per poi poterla utilizzare nei giacimenti di petrolio e metano, continuando quindi a consumare combustibili fossili invece di investire nelle energie rinnovabili.