1200 assunzioni nel servizio sanitario della Regione Emilia-Romagna

0
245

1.200 nuove assunzioni nel Servizio sanitario dell’Emilia-Romagna nei primi 3 mesi dell’anno. Lo ha annunciato la Regione che ha stanziato un investimento da 24 milioni per la sottoscrizioni di nuovi contratti a tempo indeterminato a favore di medici, infermieri, tecnici e operatori, fra assunzioni vere e proprie e stabilizzazioni. Turnover coperto al 120% negli ultimi due anni, uno dei dati migliori di tutta Italia con i pensionamenti che rimarranno regolari nonostante l’entrata in vigore di quota 100.

Nel corso del 2018, nell’Ausl Romagna, sono state 976 le assunzioni. Tuttavia permane la problematica del personale ridotto nei reparti del nostro ospedale e nel servizio sul territorio. Basti pensare che negli ultimi mesi non è stato possibile coprire tutti i turni necessari per il servizio di guardia medica ed è stato inevitabile, per alcuni medici, un aumento dei carichi di lavoro. Problematica che si presenta anche in alcuni reparti degli ospedali della provincia e che fra qualche anno rischia di diventare eclatante per quanto concerne i medici di famiglia, che, al contrario dei colleghi ospedalieri, non sono assunti dall’azienda sanitaria, ma operano in convenzione in libera professione.