“Operazione SAFETY CAR. MERCURIO: l’occhio elettronico della Polizia che riconosce automaticamente i veicoli rubati”

Inserito da Sara. Nella sezione Comunicati Stampa, Cronaca, Evidenza

Tagged: , ,

mercurio

Pubblicato: giugno 28, 2016 - Commenta

28/06/2016 – Nel corso del 2015 sono stati rubati oltre 114.000 veicoli. Per tali motivi la Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato ha predisposto un servizio coordinato su scala nazionale con l’obiettivo di contrastare il fenomeno delittuoso.
L’operazione, denominata “Safety Car” ha avuto luogo dal 20 al 23 giugno 2016 ed ha visto coinvolte tutte le Questure, i Commissariati ed i relativi Uffici periferici con l’impiego di 13.500 agenti.
Ogni giorno, sono state oltre 2.000 le pattuglie impegnate nei controlli: Volanti, Reparti prevenzione crimine, Squadre Mobili e Polizia Scientifica. Sono state identificate oltre 42 mila persone e controllati 996 mila veicoli, di cui 411 risultati rubati, che sono stati restituiti ai legittimi proprietari.
Per la provincia di Ravenna, sono stati impiegati circa 40 poliziotti appartenenti alla Sezione Volanti e all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, ai Commissariati di P.S. di Faenza e Lugo, alla Polizia Stradale e Ferroviaria di Ravenna e Faenza e al Reparto Prevenzione Crimine “Emilia Romagna”.
Il sistema “MERCURIO” consiste in una telecamera installata a bordo dei mezzi della Polizia di Stato che, anche durante la marcia, attraverso un sistema automatico di lettura delle targhe è in grado di accertare in tempo reale se il veicolo controllato è stato rubato.
Nel corso del servizio, gli automezzi della Polizia di Stato hanno percorso le strade cittadine e le arterie stradali di tutto il territorio ravennate, dove sono stati controllati 2597 veicoli ed identificate 438 persone, di cui 9 denunciate all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà.

 

 

 

Ravenna

Commenta

Non ci sono commenti su “Operazione SAFETY CAR. MERCURIO: l’occhio elettronico della Polizia che riconosce automaticamente i veicoli rubati”. Vuoi inserire un tuo commento?

Lascia un commento